Il Diario di una gatta – Maya – 13 gennaio 2018

Cari umani, non e’ stato per niente facile trovare il modo di vendicarmi di quei due giuda traditori spelati. Non sono potuta andare sul terrazzo a reperire mosche o gechi e similari da mettere nelle scarpe di Tesoro perche’ dovete sapere che quei due dicono sempre di sentire freddo e chiudono balconi e finestre. Ora dico io, certo che sentono freddo, sono completamente senza peli a parte quelli sulla testa (a che gli servono poi? a scaldare il cervello? ma se non ne hanno!), e quei pochi che gli crescono sulla faccia a Cicciomio se li toglie con non so quale schifezza puzzolente che si mette in viso  e poi scompaiono, mah! Anche Tesoro ha una vaga crescita di pelo sotto le braccia e nelle gambe e va in bagno a fare delle strane cose e poi i peli non ci sono piu’. Non so cosa faccia perche’ non mi fa entrare nel bagno, mi dice: vai via brutta gatta pelosa, non e’ posto per te! Ma, dico io, cos’e’ un complimento o un insulto? certo che sono pelosa, sono una gatta! e’ lei che e’ deficiente che sente freddo e si leva i peli! Ma lo capiscono ‘sti due decerebrati che il pelo serve a tenersi caldi?  Comunque, tornando a bomba, cercavo un modo per vendicarmi e non potendo reperire la materia prima ho cercato almeno di vomitargli sul letto, ma purtroppo non ci sono riuscita perche’ momentaneamente ho il pancino delicato e mi danno una cremina che non mi fa vomitare. Allora ho pensato di fare qualche dispettuccio. Sono andata in cucina dove Tesoro aveva preparato una pentola di riso perche’ doveva fare gli arancini (non so cosa siano, io credevo crescessero sugli alberi ma questa umanoide spelacchiata cucina cose strane) sono salita sul tavolo e con le zampette mi sono messa a rimestare dentro la pentola finche’ Tesoro non mi ha visto ed ha cominciato a urlare. Io sono scappata, lei mi inseguiva con una paletta di legno in mano, la cosa mi ha fatto un po’ paura, ma sono riuscita a nascondermi bene. Nell’attesa che le passasse la rabbia mi godevo il pensiero stupendo di Tesoro costretta a buttare nella spazzatura  tutta la pentola di riso ed a rifare tutto di nuovo. Poi ho finto di pentirmi e mi sono strusciata sulle sue gambe e lei, come sempre, mi ha preso in braccio e mi ha detto: monella della mamma, queste cose non si fanno! dovrei punirti ma sono certa che volevi solo giocare. Vieni con me che ti do la tua pappa preferita.

Tutto come da copione. Alla prossima, amici cari.

Annunci

Diario di una gatta (Maya) – 9 gennaio 2018

Foto personale

Cari umani, una cosa terribile e’ accaduta, incredibile. Riesco a stento a parlarne dopo giorni di prostrazione assoluta. E’ vero che manco da molto tempo nel blog, ma la situazione a casa sembrava ormai sotto controllo e mi ero quasi adattata a questa ingiusta prigionia, ma quello che e’ accaduto non puo’ passare sotto silenzio, il mondo deve assolutamente sapere. Gattazzi della malora! i due infidi, perfidi, crudeli e spelacchiati umani, Tesoro e Cicciomio, hanno osato portare un’altro gatto  a casa! avete capito bene? hanno osato fare entrare nella mia casa e sottolineo mia, un altro gatto e, abominio di tutti gli abomini, un gatto incarcerato dentro una gabbia ben chiusa, spazio strettissimo, niente finestre, cibo o acqua, un 41 bis vero e proprio, ma cosa avra’ mai fatto di cosi’ terribile? Di fronte a questa scena spaventosa sono indietreggiata, il nemico dal candido pelo sporgeva pietoso dalle grate la sua bianca zampetta in cerca d’aiuto. Non per paura ma per coprirmi le spalle e per avere la situazione sotto controllo, con un balzo sono salita sulla sedia sotto il tavolo della cucina ed ho cominciato a soffiare e brontolare. Tremavo tutta dalla rabbia. I due deficienti tentavano la mediazione:

– amore della mamma, non fare cosi’, e’ un amico per te!

Un amico prigioniero? e poi chi ha detto che ho bisogno di amici? un amico che si sgnaffa la mia pappa, che usa il mio cabinet e che, mi sento morire solo al pensiero, si corica sulla pancia di Tesoro o Cicciomio? NO NO NO…

Io continuavo a soffiare col pelo dritto e loro, i due perfidi, che fanno? aprono la gabbia! Terribilio! un enorme gattone bianco di quattro tonnellate ha invaso la stanza poggiando le sue zampe sul MIO pavimento, impestando la MIA casa dei suoi odori… non potevo sopportare oltre … ho gridato …

In un battibaleno il nemico fu ficcato nuovamente nella sua prigione e portato via… Non riesco ad andare avanti perche’, credetemi, non e’ finita cosi’ …

DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – 9 aprile 2017

Cari umani,

si, lo so, e’ tanto tempo che non mi faccio sentire, ho avuto molto da fare, capirete bene che vivere con questi due spelati sfigati e’ veramente difficile per una gattina speciale come me. Devo dire che negli ultimi tempi non si erano comportati troppo male tanto che avevo osato salire sul tavolo, cosa che mi era assolutamente proibita e si sono limitati solamente a sgridarmi senza nessuna punizione.

Proprio in quel momento avrei dovuto insospettirmi (che le mie vibrisse stiano perdendo sensibilita’?).

Ed arrivo al punto: dovete assolutamente aiutarmi, ho capito che stanno tentando di uccidermi lentamente. Sono terrorizzata al punto che non oso neanche mettere piu’ mosconi morti nelle scarpe di Tesoro e quando Cicciomio mi accarezza mi sforzo di fare le fusa per assecondarlo. Ma che vita gatta e’? vivo nel terrore.

Niente piu’ pappe meravigliose, niente bocconcini prelibati, niente piu’ bastoncini stuzzicosi, soltanto uno strano cibo plasticoso e insapore che, non riuscendo a mangiarlo per quanto e’ schifoso, la perfida spelata lo mescola con un po’ di carne. Che devo fare? costretta dalla fame lo mangio. Sono ormai sicura che mi stanno avvelenando lentamente.

Malvagi, crudeli, traditori spelacchiati che non sono altro! questo veleno che mi propinano mi fa venire tanta sete e passo le giornate a bere ed a fare pipi’, ma che vita e’, mondo gatto! perdincigattolina!

Aiutatatemi vi prego, datemi il numero del telefono gatto, chiamate la gattopolizia, i gattabinieri! il mondo non puo’ perdere una tal gatta… aiuto!

immagine dal web

IL DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – Oggi 18 settembre

Cari, cari, carissimi umani,

e’ tanto che non vi racconto nulla e vi diro’ il perche’:

1) perche’ mi scocciava

2) perche’ in questa casa si schiatta dalla noia

3) perche’ mi strascocciava

ma …

da qualche giorno cose inaudite accadono nella mia, e sottolineo mia, casa … estranei spelati ed invadenti sono entrati senza il mio consenso e con strani attrezzi hanno incominciato a buttare giu’ una parete … oh terribilio!

botti, rumori, fracassi, pezzi di mattoni, polvere … ancora tremo tutta.

E quei due deficienti di Cicciomio e Tesoro? niente, non facevano niente, come se nulla fosse accaduto. Io mi aggiravo confusa tra mobili e suppellettili sparse qua e la’ e non trovavo piu’ i miei posticini per riposare e quella sfigata di Tesoro saltellando da una stanza all’altra come una cutrettola, apriva e chiudeva rubinetti imprecando in tutte le lingue del mondo.

Non so cosa stia accadendo, ma sembra una cosa che non si risolve in tempi brevi, e’ gia’ da giorni che va avanti cosi’ ed io sono disperata. I miei livelli di cortisolo saranno altissimi (ma i gatti hanno il cortisolo?), sono molto stressata, il mio pelo perde lucidita’ ed anche la mia graziosa testolina, ma che vita da gatto e’ questa?

I due perfidi non se ne curano minimamente, nessun cenno di confortarmi, di blandirmi con qualche delizioso bocconcino, di coccolarmi un po’ di piu’, ma quando mai!!!

se ne straimpipano alla grande! mi vedro’ costretta a chiedere asilo politico (ma esiste l’Ambasciata dei gatti?) o qualcuno mi aiuti per favore, bloccateli, fateli arrestare, un avviso di garanzia che li spaventi… non si puo’ trattare cosi’ una gattina affettuosa e delicata come me… aiutatemi!

DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – Oggi 4 agosto 2016

Cari umani, non so cosa stia succedendo in questa casa. Accadono cose strane assai, anche per una gattina molto zen come me.

Qualche giorno fa all’improvviso Tesoro e’ uscita di casa e dopo un’ oretta sono tornate due Tesoro, ve lo giuro!

Certo, una era un po’ piu’ bassa e magra ma per il resto… stessi peli bianchi e neri sulla testa, stesso modo di fare, odore quasi uguale… ma che mistero misterioso e’?

Tesoro mi dava da mangiare, puliva il mio cabinet, mi spazzolava e l’altra, che pero’ la chiamavano Ele, mi spazzola pure, mi faceva le coccole e mi diceva tante cose, di cui io non capivo assolutamente niente, che mi piacevano pero’ perche’ il tono di voce sembrava proprio quello di Tesoro.

Sono molto confusa.

Oggi pero’ questo doppione e’ scomparso.

Tesoro e’ uscita insieme a lei e quando e’ tornata era sola e un po’ triste.

Anche io mi sento un po’ triste…

… ma no! c’eravate cascati ! io triste? che non mi basta avercene una di sbiellata spelacchiata? ihihihihih!!!!!

Pero’ il mistero rimane … e se ritornasse?

Boh!

DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – oggi 27 luglio 2016

Ebbene, cari umani, rieccomi qui costretta a denunziare una situazione davvero insostenibile. E’ quasi un mese che sono  costretta a nascondermi continuamente nei posti piu’ impensati per difendere la mia incolumita’ fisica e mentale.

Ebbene si, quella pazza di Tesoro ha consentito che bivaccassero in questa casa, la mia casa, tre creature dall’aspetto apparentemente angelico ed innocuo rivelatesi infine tre piccoli indemoniati, e neanche tanto piccoli, con l’argento vivo addosso. Una scorribanda continua di corse in tutta la casa, giocattoli sparsi ovunque, scomparsi tutti i miei cuscini usati dalle perfide creature come oggetti di lancio.

Nemmeno un angolo dove dormire in pace! grida, rincorse, risate e quella deficiente di Tesoro che rideva sempre come una scema e con quella vocetta melensa non faceva altro che dire: ” cosa volete mangiare amori della nonna?”

Cosa volete mangiare? pazza, completamente pazza! quelle orride creature mangiavano in continuazione qualunque cosa e lei, la spelata demente, portava a casa quintali di spesa e cucinava, cucinava e le tre belve affamate mangiavano, mangiavano… ed io? … quella innominabile… mi tremano i baffi al solo nominarla… si dimenticava pure di darmi da mangiare!

Nascosta sotto un letto ho pregato a lungo che i tre mostriciattoli andassero via portandosi dietro quelle schifose bolle di sapone che svolazzavano casa casa lasciando saponata ovunque e dove io regolarmente, scappando in cerca di rifugi sicuri, scivolavo in continuazione sbattendo il mio adorabile nasino sul muro. Che mi volessero fare diventare un gatto persiano? puah, orrida razza, parvenu, che altro?

Comunque, quando ormai avevo perso ogni speranza, una mattina vedo sparire Tesoro con tutti e tre i terribilii e mi ritrovo a casa da sola con Cicciomio, il quale ormai era diventato la controfigura di un essere umano e girava di stanza in stanza avvilito con uno sguardo che avrebbe fatto piangere anche i sassi.

Finalmente la pace! mi godevo il meritato riposo sulla pancia di Cicciomio aspettando che Tesoro tornasse.

Ma Tesoro non torno’, neanche il giorno dopo e neanche il giorno dopo ancora. Che stava succedendo? Dio gatto! il mio cabinet ormai puzzava e la mia ciotola non veniva pulita. Nessuno piu’ mi spazzolava e Tesoro non tornava (ho fatto la rima?).

PREOCCUPATISSIMA ero! 

Gia’ sbirciavo sui giornali nel caso ci fosse qualche notizia in proposito, la mia spelata umana Tesoro e’ famosa, la sua scomparsa non sarebbe passata inosservata, quando all’improvviso e’ tornata.

– “Amore della mamma sono tornata, ti ho portato una scatoletta di tonno!” –

Ahhhh… amore della nonna, amore della mamma … ma questa ci ha proprio le idee confuse! ma quale amore? fetente che non sei altro, mi hai abbandonata ed ora vuoi comprarmi con una scatoletta di tonno?

Sono quattro giorni che quello sfigato di Cicciomio mi nutre a tonno! sto perdendo il pelo e mi stanno crescendo le squame!

AIUTATEMI!!! Se mi succede qualcosa sapete di chi e’ la colpa.

DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – Oggi 9 giugno 2016

Foto prese dal web e rielaborate
image

Ebbene cari umani, ho fatto di tutto, mi sono nascosta, mi sono travestita, mi sono appostata, ho fatto pedinamenti. Nulla, niente di niente, rien de rien, nothing, Tesoro non ha un altro gatto.
Ma qui la questione allora diventa di “lana caprina”!
Se non ha un altro gatto, allora dove sparisce?
La faccenda e’ misteriosa e preoccupante, anzi oserei dire che si colora di tinte fosche ed inquietanti.
Se non ha un altro gatto, ha forse un altro Cicciomio?
La cosa sarebbe ancora piu’ drammatica!
Se i due si lasciano, che ne sara’ di me?
Andro’ con Tesoro o con Cicciomio? sarebbe terribile separarmi da uno dei due! E se divenissi il pomo della discordia e fossi sballottata di qua o di la’?
Oh che triste destino mi attende! ohime’ gattina semiorfana contesa da due sbiellati spelacchiati!
Un gattavvocato ci vuole, per forza.
Indaghero’ e andro’ avanti, non puo’ finire cosi’!

image

image