Dalla parte delle donne


Da Pinterest

In breve (perché farla lunga non serve)
Mi sono ubriacato diverse volte ma non ho mai corso il rischio di essere violentato. Sono uomo. In vita mia non ho mai sentito di un uomo ubriaco violentato. Allora il problema non è essere ubriachi. Il problema è essere donne.

Ho camminato a petto nudo. In pantaloncini. In canotta. Con il costume a mutanda. Ma nessuna mi ha mai violentato. E neppure lanciato apprezzamenti. E allora il problema non è come mi vesto. Non sono i vestiti. Io sono uomo. Io posso. La donna e la ragazza invece se la sono cercata.

Mi sono appartato a pomiciare, a fare petting. Ma se non mi andava di fare sesso nessuna donna mi ha mai costretto, magari puntandomi un coltello alla gola. Perché io sono maschio. Io posso dire di no. Posso dire basta. Allora il problema non è la donna che se l’è cercata, appartandosi. Il problema è sempre l’uomo e la sua violenza.

Sono uscito con gruppi di due o tre amiche e io unico maschio. Ma non mi sono mai sentito minacciato o a disagio. Non ho mai subito violenza di gruppo. Perché io sono maschio, e non corro questi rischi. Perché non esiste l’idea che l’uomo sia un oggetto di piacere. Che sotto sotto gli piace, anche se forzato. A nessuno piace essere soggetto a violenza. E no, una donna che esce con due o tre uomini non si è cercata nulla. Di certo non una violenza di gruppo.

Ho avuto superiori donne. Insegnanti donne. Professoresse di università donne. E non sono mai stato molestato. Mai. Neanche una pacca sul culo. Neanche una palpatina. Perché sono un uomo. Non sono considerato accondiscendente. Perché essere in una posizione subalterna non vuol dire dover accettare anche le molestie.

Alla fine non sono stato tanto breve.

Quand’è che una donna e un uomo potranno vivere allo stesso modo?

Ugo Giansiracusa.
Un Uomo.

31 risposte a "Dalla parte delle donne"

  1. Credo che il discorso sia molto più profondo e vada oltre la semplice domanda posta in chiusura.
    È una cultura maschilista che va rimodulata partendo dal ruolo della donna nelle società.

    Buona notte mia cara.
    Shera

    Piace a 3 people

    1. No, si confonde la diversità fisiologica con quella morale, non cambierà mai nulla, in questo non sono ottimista, credo solo nella forza e nel coraggio della singola donna. Ho subito un tentativo di violenza quando avevo dodici anni da parte di tre ragazzi, ho lottato e graffiato con tutte le mie forze, sono scappati senza riuscirci. È una realtà vissuta sulla mia pelle che mi ha segnato, ma è anche una metafora

      Piace a 1 persona

      1. 55 anni fa? Mi vergognavo terribilmente come se la colpa fosse mia, i miei genitori l’hanno scoperto perché ero sporca e graffiata e non sapevo giustificarlo. Il ragazzo è rimasto sfregiato in viso perché l’ho graffiato con tutte le mie forze.

        "Mi piace"

  2. Per mia fortuna ero così poco appariscente da non suscitare appetiti. Il problema però me lo sono sempre posto. Ricordando alcuni fatti accaduti ad alcune amiche mie, le accuse fatte loro dai loro stessi genitori, accuse ovvie, sentite anche in certi tribunali riportate da giornali, come se fosse sempre colpa della donna, accuse fatte dai compaesani, come se i ragazzi molestatori fossero sempre innocenti irretiti da streghe colpevoli di essere belle, di voler essere libere di andare in giro a farsi i fatti propri.
    Io sono stata fortunata, ero insignificante, poco appariscente, libera di muovermi come mi faceva piacere, mi vestivo come un ragazzino e forse lo sembravo anche, nessuno mi notava, niente trucco, niente scarpe col tacco…ma se per poter vivere tranquilla una deve quasi negare la propria femminilità, allora c’è da chiedersi come alleviamo i nostri maschi noi donne, se non siamo nemmeno capaci di infondere loro il rispetto per l’altro sesso.

    Piace a 2 people

      1. Non era certo colpa tua l’essere cresciuta in fretta. come non era merito mio il non essere appariscente. Ma fino a che ci saranno maschi educati da madri incoscienti, maschi che credono di poter avere tutto, essere al di sopra di tutto e tanto deboli di carattere e tanto immaturi da non riuscire ad accettare un no e che pensano che ogni donna che cammina da sola sia a loro disposizione, allora noi donne non saremo mai libere di essere donne.

        Piace a 1 persona

  3. Andrebbe pubblicato ogni giorno su ogni quotidiano, letto in tutte le trasmissioni televisive, scritto in caratteri cubitali su muri infiniti in modo che tutti leggano, insegnato a scuola e in famiglia come materia civica, detto declamato alla radio ogni mattina nell’ora di massimo ascolto…
    Testo di una forza e chiarezza lampante.

    Piace a 2 people

  4. Il problema del nostro Paese è che è molto maschilista e in molte occasioni si cerca sempre la scusa per dare la colpa alla donna di quanto accaduto. Ed è molto triste dover leggere di donne che devono trovare coraggio solo per uscire. Una donna merita di uscire con tranquillità e spensieratezza, non come se fosse in gioco la sua vita.

    Piace a 1 persona

      1. Verissimo. Un’altra cosa sbagliata della società riguarda proprio la figura dell’uomo virile. È un figura che dobbiamo in un modo o nell’altro togliere perché ha causato tanti danni a troppe persone.

        Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...