Dedicata a madre terra – rewind

               

E venne Madre Terra tremante di furore
che i suoi figli il suo ventre han devastato e
gli alberi capelli dal capo, per pura avidità le hanno strappato.
Ed ancora il mare, linfa sua vitale, 
come sangue azzurro, con scarichi abusivi, hanno inquinato
ed ogni suo fiato con mefitiche sostanze avvelenato.
Fremente si scuote con violenza e crollano le case
ed i fiumi fuor dagli argini le campagne inondano, 
le rocce si frantumano e rotolando a valle ogni cosa travolgono.
Dalle sue viscere il magma incandescente
esplode in cielo e una pioggia di fuoco ogni cosa brucia.
La furia non si placa, enorme è il suo dolore
ed i suoi figli fuggon con gli occhi colmi di terrore,
tra polvere e fumo corrono impazziti e nel suo seno,
ormai così straziato, cercando di nascondersi, si intanano impauriti.
Ma la Grande Madre adesso è risoluta, la sua 
prole annienterà, così ha deciso.
Ma ecco che il suo sguardo cade sopra
un bimbo che, tutto assorto, in un paese
ormai distrutto, con grande cura disseta un alberello.
La speranza è la forza che fa girare il mondo
e l’innocenza e la purezza ne sono il suo contenitore.
E Madre Terra assai commossa col suo velo pietoso
coprì ogni cosa, con le sue lacrime spense gli incendi 
ed ai suoi figli donò il perdono.

Giuliana Campisi ©

Annunci

8 thoughts on “Dedicata a madre terra – rewind

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...