DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – 9 aprile 2017

Cari umani,

si, lo so, e’ tanto tempo che non mi faccio sentire, ho avuto molto da fare, capirete bene che vivere con questi due spelati sfigati e’ veramente difficile per una gattina speciale come me. Devo dire che negli ultimi tempi non si erano comportati troppo male tanto che avevo osato salire sul tavolo, cosa che mi era assolutamente proibita e si sono limitati solamente a sgridarmi senza nessuna punizione.

Proprio in quel momento avrei dovuto insospettirmi (che le mie vibrisse stiano perdendo sensibilita’?).

Ed arrivo al punto: dovete assolutamente aiutarmi, ho capito che stanno tentando di uccidermi lentamente. Sono terrorizzata al punto che non oso neanche mettere piu’ mosconi morti nelle scarpe di Tesoro e quando Cicciomio mi accarezza mi sforzo di fare le fusa per assecondarlo. Ma che vita gatta e’? vivo nel terrore.

Niente piu’ pappe meravigliose, niente bocconcini prelibati, niente piu’ bastoncini stuzzicosi, soltanto uno strano cibo plasticoso e insapore che, non riuscendo a mangiarlo per quanto e’ schifoso, la perfida spelata lo mescola con un po’ di carne. Che devo fare? costretta dalla fame lo mangio. Sono ormai sicura che mi stanno avvelenando lentamente.

Malvagi, crudeli, traditori spelacchiati che non sono altro! questo veleno che mi propinano mi fa venire tanta sete e passo le giornate a bere ed a fare pipi’, ma che vita e’, mondo gatto! perdincigattolina!

Aiutatatemi vi prego, datemi il numero del telefono gatto, chiamate la gattopolizia, i gattabinieri! il mondo non puo’ perdere una tal gatta… aiuto!

immagine dal web
Annunci

14 thoughts on “DIARIO DI UNA GATTA (Maya) – 9 aprile 2017

  1. Ho cercato in internet che cos’è la struvite, proprio non l’avevo mai sentita nominare.
    I gatti che ho avuto io, per fortuna non l’hanno mai avuta. In verità mangiavano le cose che avanzavamo e poi andavano a cercarsi il resto in giro per il nostro giardino, erano gatti molto indipendenti e accettavano la nostra convivenza. Ogni tanto sparivano, poi tornavano per lunghi periodi, le femmine erano più casalinghe, per la verità.
    Ciao Giuliana, sto cercando e leggendo gli articoli su Maya, un po’ a casaccio per la verità. A proposito, nel frattempo, è guarita?

    Liked by 1 persona

      1. Mescolare un po’ di verdure cotte, come qualche pezzetto di zucchina, carote, piselli, insieme con un po’ di riso molto cotto e la carne o il pesce, i miei gatti lo hanno sempre apprezzato, anche un cucchiaino di olio Evo delicato, ha sempre aiutato il loro intestino. Naturalmente il tutto ben cotto. Alternando a carni crude, come fegato, polmone, carne macinata e ritagli. Avevo una gatta che adorava gli asparagi bolliti, quasi più della carne. Poi, fuori in giardino, mangiavano l’erba lunga, tipo gramigna, ma quella per farsi venire il vomito quando si erano leccati troppo pelo, non sempre bastava spazzolarli, in primavera perdevano pelo e lo leccavano ingoiandolo. La gatta che amava gli asparagi adorava anche il melone molto maturo. Naturalmente poi andavano a caccia di topi, uccellini, lucertole (che uccidevano ma non mangiavano), bisce che mi portavano in casa come trofei. Una volta una gatta mi portò una gallina faraona, presa dal pollaio della mia vicina con la quale poi dovetti scusarmi.

        Liked by 1 persona

      2. ahahahah! 😄😄😄 i gatti sono esclusivamente carnivori, hanno il sistema immunitario nell’intestino e non bisogna squilibrarlo con cibo sbagliato. Poi son bestioline e riescono a mangiar di tutto se non hanno alternative o mescoli con carne o pesce che per loro e’ molto appetibile. Bisogna stare molto attenti alle loro feci perche’ da li’ si vede lo stato di salute dell’intestino ed e’ difficile se la fanno in giardino dove non puoi controllare. La mia adorava il pandoro e gliene davo qualche briciola ogni tanto … e sono stati guai

        Mi piace

      3. Vero, i miei gatti sotterravano le feci nella terra tenera appena vangata e mio marito urlava loro dietro. Mai controllate le loro feci.
        Dolci a loro non ne ho mai dato, a parte una gatta golosa di cioccolato al latte e bisognava stare attenti perché lo mordeva dalle nostre mani saltandoci sulle spalle. C’è anche stato un gatto che leccava il gelato dal cono di mia figlia mentre lo mangiava lei e lui le saliva sulla spalla quando lei alzava il braccio per non farselo prendere. Invece, la mia gattina nera, quella della mia icona, la Bucky, quando ero intenta al lavoro e non le davo retta, saliva sul tavolo in salotto, prendeva una caramella dal piatto centrotavola e me la posava sul lavoro, per attirare l’attenzione.
        La Tissy è campata 15 anni ed è poi stata soppressa dal veterinario a causa di un tumore. Alcuni maschi, dopo qualche anno si perdevano in giro andando a morose, se non tornavano dopo dieci, dodici giorni li davamo per dispersi. Una gatta è campata 21 anni, poi un vicino di casa se l’è mangiata ed è pure venuto a dircelo, diceva che era “coriacea”, io avrei ammazzato lui, ma mio padre me lo impedì. Abbiamo avuto una gattina bianca e nera che era gelosa di nostra figlia quando è nata e dovevamo stare attenti perché cercava sempre di farle del male. Poi c’era il grosso soriano Mino che crebbe con mia figlia che lo usava come peluche, come tappeto, come scopa per pavimenti e lui non ha mai usato le unghie con la piccola, solo aveva uno sguardo disperato quando lei gli si avvicinava. Poi ci sono stati Pulce e Putsch, i gemelli figli della Tissy, stravaganti, giocherelloni, pazzoidi, che correvano su e giù per le nostre piante a caccia di uccellini. E un grosso gatto tigrato rosso che qualcuno aveva abbandonato più morto che vivo quando era piccolo e noi lo portammo a casa. E la gatta siamese, quella che portò a casa la faraona e uno dei suoi figli che era grosso, grosso e grasso, con la voce cavernosa, ma aveva paura anche della propria ombra.
        Di tutti questi gatti ho curato qualche ferita e qualche morsicatura di cane, non sono mai stati malati, a parte la Tissy che però era anche bella vecchia quando si ammalò.

        Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...