Gerico

In un improponibile triangolo scaleno

si arrampicano rizomi extrauterini,

si fletteranno sotto l’ arco della luce 

trasfigurandosi, in salita, in ectoplasmi lamentosi.

Prenderanno posto con riluttante

parsimonia sulle scalinate marmoree

e intercaleranno canti a grida tra rutilanti

tramonti alle esequie di questa vita

che rotola tra le morene dei ghiacciai

e s’infrange tra le rocche muschiose

di cime titaniche.

Nulla varra’ scacciare la serpe in seno

che mordera’ la mano dell’uomo cieco

e terra’ tra le sue spire

il sordo sulla strada per Gerico.

Giuliana Campisi

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...