Pensiero del giorno

“La brama di uguaglianza può manifestarsi o come desiderio di abbassare tutti gli altri a sé (sminuendo, segregando, dando lo sgambetto), o come desiderio di innalzarsi con tutti (riconoscendo, aiutando, godendo del successo altrui).”



¤ Friedrich Nietzsche, “Umano, troppo umano”

Annunci

Che sia come sia

Lascia che il sole tramonti

baciando il suo mare,

che ogni spiga di grano maturi

nel caldo d’estate.

Lascia che il sasso lanciato nell’acqua

faccia i suoi cerchi e le canne selvatiche

nascondano l’anatra.

Lascia che l’ora attraversi i minuti

ed i minuti i secondi,

che la notte accenda il giorno

ed il giorno ceda il posto alla sera.

Lascia che ogni cosa sia come sia

e che la lucciola rischiari la notte.

Lascia alle spalle ogni dubbio,

ogni paura, ogni indecisione

e  incertezza, lascia che tutto sia come sia,

giacchè l’eterno tempo tesse

con lucenti fili di seta le sue tele

con mano sicura e non cambiera’ mai

la trama ed il disegno che ha in mente.

Giuliana Campisi

Profondo blu

Respiro la vita,

in essa immersa

nuoto inebriandomi

del suo profumo

blu profondo

di cielo immenso,

blu profondo

di mare calmo,

blu profondo

di cuore grande

che tutto accoglie

e stringe a se

con mani grandi

e generose per portarlo

nel blu profondo

dell’anima mia.


Giuliana Campisi ©

Dialogo immaginario 

 


– Credi davvero che un uomo voglia una donna nuda, un albero spoglio?

– Si, gli uomini amano il nudo!

– No, gli uomini vogliono corpi vestiti, alberi frondosi sotto cui ripararsi dal sole, un incavo in cui giacere e  frutti per cibarsene e lasciarne i semi per perpetuare la stirpe.

– Ma il nudo li attira, il corpo nudo di una donna non e’ forse un’esca per l’uomo?

– Intendi forse la pelle nuda di una donna, non il corpo, un albero spoglio fa vedere la qualita’ del suo legno, i rami ampi che si riempiranno di foglie e le   gemme da cui spunteranno fiori e frutti

– Ma qual’e’ la differenza?

– Non sempre l’uomo vuol vedere come e’ fatta una donna, le sue qualita’, le sue aspirazioni, cosa desidera per il suo futuro…

– Continuo a non capire …

– Un albero spoglio e’ una donna spogliata dalle apparenze che mostra se stessa, la sua anima, la sua vera essenza al di la’ del suo aspetto esteriore.

– Ma allora?

– Un uomo che vale cerca un albero spoglio e lo osserva mentre si ricopre di foglie.


Giuliana Campisi ©

Riflettiamo ancora

“Ogni volta che accetti profondamente questo momento così com’è – nella forma in cui è, sei sereno, sei in pace. La felicità e l’infelicità non vanno così in profondità. Sono onde sulla superficie del tuo essere. La pace profonda che hai dentro ti rimane immutata qualunque siano le condizioni esterne.”

Eckhart Tolle

Chi sei?

image
immagine dal web

Chi sei tu che riempi di stelle i miei sogni
e colori l’alba di rosa e di rosso i tramonti?
Tu che la notte accendi la luna per farmi coraggio
e cancelli la nebbia col sole ?
Angelo guerriero, amante appassionato
o sposo mio adorato?

Giuliana Campisi ©

Riflettiamo

image
foto dal web

Nel momento in cui inizi a osservare la parte di te che pensa, si attiva un livello superiore di consapevolezza. Allora comprendi che esiste un vasto regno di intelligenza oltre il pensiero e che quest’ultimo ne è solo un aspetto minore. Comprendi anche che le cose che contano davvero (la bellezza, l’amore, la creatività, la gioia, la pace interiore) sorgono al di là della mente. E inizi a risvegliarti.”

Eckhart Tolle

Verita’ sbucciate

image
immagine dal web rielaborata

Tracce, percorsi,

imperfezioni della carne,

strade senza ritorno,

rughe tortuose

su colline svettanti e occhi,

occhi come laghi profondi,

abissi senza fine in cui

cercare verita’ sbucciate

dalla pelle vellutata di pesca

che nasconde semi duri e amarostici.

E scale di marmo da salire

aspettando di trovare corpi nudi

e trasparenti, con ali di farfalla

che non riescono piu’ a volare.

Cerchiamo in essi un involucro

in cui conservarci e che ci consenta

un contatto tra anime affini

per completarci e compiere

il nostro ciclo di vita.

Giuliana Campisi ©